Condimenti

Frutta martorana

Frutta martorana

La storia del piatto della frutta martorana è avvolta da una leggenda affascinante che ci riporta indietro nel tempo. Si dice infatti che questo delizioso dessert abbia avuto origine in Sicilia durante il periodo della dominazione araba nel IX secolo. Secondo la leggenda, le suore del Monastero di Martorana, a Palermo, crearono queste colorate e realistiche opere d’arte culinarie per adornare il loro altare durante la festa dedicata alla Vergine Maria. Utilizzando frutta fresca e mandorle, le suore creavano delle piccole sculture raffiguranti frutta e verdura. Queste opere erano talmente realistiche che sembravano vere, ma avevano un sapore dolce e delizioso. Da allora, la frutta martorana è diventata un simbolo della tradizione siciliana e un piacere goloso che affascina i palati di tutto il mondo. Oggi, possiamo ancora gustare questo meraviglioso dolce, sia nelle pasticcerie tradizionali che nelle cucine di casa, regalandoci un’esperienza culinaria unica che mescola storia, arte e sapore.

Frutta Martorana: ricetta

La ricetta della frutta martorana richiede pochi ingredienti semplici e facilmente reperibili. Per preparare questo delizioso dolce avrai bisogno di mandorle, zucchero, acqua e coloranti alimentari. Ecco la preparazione:

1. Inizia sbollentando le mandorle in acqua bollente per alcuni minuti. Scolale e lasciale raffreddare leggermente.

2. Sbuccia le mandorle, rimuovendo la pelle esterna. Questo passaggio è importante per ottenere una consistenza liscia e uniforme.

3. Metti le mandorle sbucciate in un mixer o un robot da cucina e tritale fino a ottenere una polvere fine.

4. Versa la polvere di mandorle in una ciotola e aggiungi lo zucchero. Mescola bene gli ingredienti.

5. Aggiungi acqua poco per volta, fino a quando l’impasto forma una pasta omogenea ma non appiccicosa.

6. A questo punto, puoi aggiungere i coloranti alimentari per dare vita ai vari colori della frutta martorana. Dividi l’impasto in piccoli pezzi e aggiungi i colori desiderati a ciascuno di essi. Amalgama bene gli ingredienti fino a quando il colore è uniforme.

7. Prendi l’impasto colorato e modellalo con le mani per creare forme di frutta realistica. Puoi creare mele, pere, arance, limoni, fichi e qualsiasi altra frutta che desideri.

8. Metti i tuoi pezzi di frutta martorana su una teglia foderata con carta da forno e lasciali riposare per alcune ore, o fino a quando si sono induriti leggermente.

Una volta che la frutta martorana è pronta, puoi conservarla in un contenitore ermetico per alcuni giorni. Servila come un dolce colorato e delizioso o come un regalo fatto a mano per amici e familiari.

Possibili abbinamenti

La frutta martorana è un dolce versatile che si presta ad essere abbinato in diversi modi. Grazie ai suoi colori vivaci e al suo sapore dolce, può essere accompagnata da una varietà di cibi e bevande per creare abbinamenti gustosi e bilanciati.

Per iniziare, puoi servire la frutta martorana come dessert dopo un pasto abbondante. Il suo sapore dolce e la sua consistenza morbida si sposano bene con altri dolci tradizionali, come il cannolo siciliano o la cassata. Puoi anche accompagnarla con gelato alla vaniglia o panna montata per creare un contrasto tra la dolcezza della frutta e la cremosità del gelato.

La frutta martorana può essere servita anche come antipasto o come parte di un buffet di dolci. Puoi abbinarla con formaggi leggeri, come il ricotta fresco, oppure con salumi dolci come il prosciutto cotto. Questi abbinamenti creano un equilibrio tra dolce e salato, rendendo il momento dell’antipasto un’esperienza gustativa completa.

Per quanto riguarda le bevande, la frutta martorana si presta bene ad essere accompagnata da bevande fresche e leggere. Puoi optare per una tisana alla frutta o un succo di frutta naturale per rinfrescare il palato dopo aver gustato il dolce. Se preferisci una bevanda alcolica, puoi abbinare la frutta martorana con un vino liquoroso come il passito di Pantelleria o un Moscato d’Asti. Questi vini dolci sono perfetti per esaltare i sapori della frutta e creare un abbinamento armonioso.

In conclusione, la frutta martorana si presta ad essere abbinata a una varietà di cibi e bevande, consentendo di creare combinazioni gustose e sorprendenti. Sperimenta con diversi abbinamenti per scoprire quale si adatta meglio ai tuoi gusti e preferenze.

Idee e Varianti

Ci sono diverse varianti della ricetta della frutta martorana che puoi provare a casa per sperimentare sapori diversi e personalizzare il dolce secondo i tuoi gusti. Ecco alcune delle varianti più comuni:

1. Frutta martorana al cioccolato: puoi arricchire la ricetta base della frutta martorana aggiungendo del cioccolato. Basta sciogliere del cioccolato fondente o al latte a bagnomaria e mescolarlo all’impasto di mandorle e zucchero. In questo modo, otterrai una frutta martorana con un tocco di cioccolato che renderà il dolce ancora più goloso.

2. Frutta martorana con ripieno: puoi decidere di farcire la frutta martorana con una crema o un ripieno. Puoi utilizzare, ad esempio, una crema di ricotta con zucchero e vaniglia, oppure una marmellata di frutta. Basta aprire il pezzo di frutta martorana e farcire il centro con il ripieno scelto, richiudendo poi il pezzo e dando la forma desiderata.

3. Frutta martorana con liquori: se ti piace dare un tocco alcolico alla frutta martorana, puoi aggiungere qualche goccia di liquore nella preparazione. Ad esempio, puoi utilizzare un liquore all’arancia come il Cointreau o il Grand Marnier, oppure un liquore al limone come il limoncello. Ricorda di utilizzare solo una piccola quantità di liquore, in modo da non alterare troppo l’impasto.

4. Frutta martorana senza zucchero: se preferisci una versione più leggera e con meno calorie, puoi provare a preparare la frutta martorana senza zucchero. Puoi sostituire lo zucchero con dolcificanti naturali come il miele o lo sciroppo d’agave. In questo modo, otterrai un dolce meno dolce ma comunque gustoso.

Queste sono solo alcune delle tante varianti che puoi provare per personalizzare la ricetta della frutta martorana. L’importante è divertirsi in cucina e sperimentare nuovi sapori e combinazioni, creando un dolce unico e originale.

Potrebbe anche interessarti...